Uno a cento

Gen 6, 2021 | Cambiamento | 0 commenti

Com’era? Colpirne uno per educarne cento, brutta citazione. Stamattina riflettevo che io cerco di educarne cento per farne cambiare (almeno) uno, almeno un po’.

La vicenda del covid-19 ci ha insegnato che il cambiamento più profondo e diffuso avviene a balzi, spacchi e traumi, sulla spinta del bisogno. Ce l’ha insegnato la pandemia o… ripassato, che lo sapevamo già. Il cambiamento epocale e macro in genere non è graduale (e per questo spaventa e angoscia). Poi da quel balzo esce qualcosa che ha in sé i tratti del dramma e insieme quelli dell’innovazione, del miglioramento. Ad esempio, è dagli anni ’70 che si fanno convegni sul telelavoro – o smart working, non era mai successo niente su larga scala. In tre, quattro settimane la scorsa primavera è avvenuto, con buona pace dei convegnisti.

Visto che da trent’anni e passa lavoro sul cambiamento graduale, insomma, due domande me le faccio. A che serve? Lascio stare?

No, non penso di mollare. Perché ok, lavoro sul micro, aiuto una persona a cambiare in meglio, ad avere più leadership ad esempio. Magari in quel gruppo ce n’erano quindici e tutte le altre hanno ascoltato, magari anche apprezzato ma poi son rimaste tal quali. Ma quella persona, una, creerà intorno a sé un luogo di lavoro migliore, un clima di coinvolgimento e rispetto, di impegno e collaborazione, di fiducia e orientamento al risultato (pure in smart working). Allora comunque per me, che ho l’ambizione di cambiare il modo un passo alla volta, ne è valsa la pena.

E come il cambiamento per crisi e traumi, anche quello per consapevolezza e impegno personale può essere veloce. Una persona ci dice una cosa che accende una luce e in quel momento cambiamo, da quel giorno agiamo (almeno un po’) diversamente.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi